WWOOFer bagnato WWOOFer fortunato

Non sarà la pioggia abbondante degli ultimi giorni a fermarci, e nemmeno il freddo che (dicono) sta per arrivare: domani mattina, con un paio di giorni di ritardo, partiremo per una fattoria vicino a Grosseto, dove ci aspetta un altro “giro di WWOOF”.

Nonostante le previsioni a dir poco catastrofiche, enfatizzate dalle nostre mamme che ci hanno prospettato scene più apocalittiche di un film di Mel Gibson, caricheremo la nostra poderosa macchinetta di scarponi, felpe e stivali e, ovviamente, di tutto quello che serve ai nostri inseparabili cani.

Nando (c) Nicoletta Valdisteno
Nando (c) Nicoletta Valdisteno

I pochi contatti telefonici che abbiamo avuto con Riccardo e Caterina ci hanno fatto venire la voglia di provare ad andare anche se tutto sembrerebbe suggerire di starsene a casa, al calduccio.
Sembrano persone davvero disponibili, e poi il loro indirizzo mail ci è parso un segno da cogliere, soprattutto in questo momento, perché non contiene solo un omaggio al nome della figlia ma anche un preciso riferimento al galattico popolo maya.

Ammoniti dalle abbondanti piogge di queste ore, che tanto hanno a che fare con il lamento della nostra amata Terra, ci incammineremo verso una nuova tappa di questo percorso che, giorno dopo giorno, comincia a prendere forma lungo gli indizi che i nostri occhi, sempre più attenti ed esigenti, stanno imparando a cogliere.

m.

Grazie

Top